Pagine

giovedì 9 gennaio 2014

Les Jardins du prieuré Notre Dame d'Orsan

La storia inizia nel 1991, quando due architetti, Sonia Lesot e Patrice Taravella, rimangono affascinati dalla bellezza di un antico monastero, le cui mura erano, ormai, in rovina. La natura si era riappropriata dello spazio rubatole dall’uomo, da secoli lontani, precisamente dal 1107, quando Robert d’Arbrissel, fondatore dell’abbazia di Fontevraud e di 18 priorati, decise di stabilirsi anche a Maisonnais, tra Orléans e Clermont-Ferrant, 300 km a Sud di Parigi, su terre sterili e paludose, poco propizie alla coltivazione. Grazie all’opera di Abrissel e a quella dei suoi successori, questo luogo sperduto di raccoglimento e preghiera, diventerà, nei cinque secoli seguenti, meta di pellegrinaggio, dato che Robert d’Abrissel, ora considerato un santo, decise di seppellire il suo cuore proprio ad Orsan, mentre il resto del suo corpo a Fontevraud.
immagine tratta dal sito del Prieuré Notre Dame d'Orsan
Grazie all’opera di Abrissel e a quella dei suoi successori, questo luogo sperduto di raccoglimento e preghiera, diventerà, nei cinque secoli seguenti, meta di pellegrinaggio, dato che Robert d’Abrissel, ora considerato un santo, decise di seppellire il suo cuore proprio ad Orsan, mentre il resto del suo corpo a Fontevraud.
immagine tratta dal sito del Prieuré Notre Dame d'Orsan
Ma la prospera tranquillità di Orsan fu turbata, nel corso dei secoli, da diversi eventi: il più tragico, nel 1569, quando, durante le guerre di religione, tutti gli edifici del priorato furono completamente saccheggiati e bruciati.
L’opera di ricostruzione avvenne grazie ad Éléonore de Bourbon, e proseguì fino al XVIII secolo, quando furono ricostruiti la recinzione ed il cancello principale.
Durante la Rivoluzione Francese, il priorato ed i suoi beni furono venduti a privati e gli edifici furono utilizzati come azienda agricola fino al 1989.
Dal 27 marzo 1926 il Priorato è iscritto all’Inventaire supplémentaire des monuments historiques.
immagine tratta dal sito del Prieuré Notre Dame d'Orsan
Nel 1990, del priorato non restavano che 4 edifici intorno ad un cortile dove, fu eretto un capannone per un fattoria che ospitava polli e maiali. La chiesa, i chiostri ed il mulino erano completamente scomparsi; le loro pietre riutilizzate per la costruzione degli edifici agricoli.
L’anno seguente, due architetti, Sonia Lesot e Patrice Taravella, sono alla ricerca di una casa da ristrutturare e, il sogno di Prieurè Notre Dame d’Orsan, rivive. Dopo il consolidamento strutturale degli edifici, apparve naturale l’idea di realizzare i giardini intorno. Mancava però una chiara indicazione, un progetto, una mappa di come fossero i giardini di Orsan, e così, i due architetti con l’aiuto del giardiniere Gilles Guillot, decisero di evocare l’idea, riproponendo i giardini monastici medievali, suddividendoli in spazi chiusi a sé stanti, semplici ma attraenti, legati tra loro da un gioioso ma funzionale sistema vegetale, alimentare e ornamentale.

immagine tratta dal sito del Prieuré Notre Dame d'Orsan
Il roseto di Maria
Su ispirazione puramente medievale, il roseto d’Orsan è bianco e rosa, in onore della Vergine Maria, simbolo religioso per eccellenza. Esso rappresenta il “giardino recintato”, l'Hortus Conclusus, il giardino segreto descritto nel Cantico dei Cantici.

I tre frutteti
Gli alberi da frutto sono coltivati in tre sezioni suddivise per varietà: un pereto con le varietà 'Duchesse d'Angoulême', 'Belle du Berry' e 'Andre Desportes', un ciliegeto con le varietà 'Marmotte', 'Burlat' e 'Heart-di Pigeon ', a cui segue un area riservata al sorbo domestico.

Il Labirinto
immagine tratta dal sito del Prieuré Notre Dame d'Orsan
Il labirinto, realizzato con una staccionata di susino è il simbolo cristiano della difficoltà di ottenere la salvezza. Al centro si trova una meravigliosa seduta circolare in legno intrecciato.

Il Viale dei Piccoli Frutti
immagine tratta dal sito del Prieuré Notre Dame d'Orsan
Tra il chiostro e il frutteto, si trova un percorso fiancheggiato da coltivazioni di frutti rossi: fragole, lamponi, mirtilli, ribes, more e cassis. Attorno, ogni giardino di piccoli frutti, è circondato da meli e peri a spalliera.


Il Giardino dei Semplici
immagine tratta dal sito del Prieuré Notre Dame d'Orsan
Ogni monastero, nel Medioevo, possedeva un giardino dei semplici: fornire le cure ai pazienti era considerato un vero e proprio dovere. A Orsan, Le Jardin des Simples, è organizzato in aiuole rialzate racchiuse da pannelli intrecciati in castagno.

Il Meleto
Prendendo uno degli otto gazebo del chiostro, in asse con il portico e con la fontana, appare il meleto. Gli alberi sono piantati in quinconce, attorno a tre antichi peri.

L’orto
immagine tratta dal sito del Prieuré Notre Dame d'Orsan
Il Chiostro
immagine tratta dal sito del Prieuré Notre Dame d'Orsan
Di forma regolare e completamente recintato, è un luogo di preghiera e di meditazione che rappresenta il Paradiso. A Orsan, il chiostro è il cuore dei giardini. Al centro dei quattro parterre coltivati a vite, si trova una fontana. Percorrendo il sentiero esterno, adornato da archi e gazebi in legno intrecciato, è possibile raggiungere gli altri giardini.

Il Parterre
immagine tratta dal sito del Prieuré Notre Dame d'Orsan
Il parterre è stato concepito come un elemento di unione formale tra gli edifici e i giardini. Le aree, a croce greca, sono coltivate a mais e biete in estate, e cavolo rosso, verde e porri in inverno.
Trés d’union dei giardini sono i bellissimi manufatti in legno intrecciato che, in diversi materiali e conformazioni, si trasformano in chiostri, nicchie, porte e cancelli, padiglioni, cupole, aiuole soprelevate, griglie e sedute.
immagine tratta dal sito My city is a garden
immagine tratta dal sito del Prieuré Notre Dame d'Orsan
In tutte le stagioni è possibile ritrovare, inoltre, una grande varietà di uccelli, attirati dallo splendore dei giardini, e da mangiatoie, nidi, tutti realizzati a mano dal gruppo di giardinieri guidati da Monsieur Guillot.
Ora, il Prieurè Notre Dame d’Orsan, riaperto al pubblico dal 1994, accoglie gli ospiti in un hotel con sette camere d’albergo di lusso, un ristorante, una sala da thè ed una libreria.
Durante tutto l’anno vengono inoltre proposti, all’interno dei giardini, incontri formativi, stage e workshop per giardinieri ed appassionati, oltre a diversi eventi culturali, che permettono di svelare le infinite sfaccettature di Notre-Dame d'Orsan.

Prieuré Notre-Dame d'Orsan 
18170 Maisonnais
Tel. 02­ 48 56 27 50 - Fax 02­ 48 56 39 64
E-mail: prieuredorsan@wanadoo.fr

Per i corsi: infoorsan@wanadoo.fr oppure tel. 02 48 56 27 50

Per arrivare:
*Aeroporto: Limoges, Clermont-Ferrand.
*Treno: stazione di Saint-Amand-Montrond, Châteauroux, Bourges.
* Autostrada: autostradaA 71 – all’uscita Saint-Amnd-Montrond prendere direzione Lignières, poi Morlac D3 e Ids-Saint-Roch D70. Prendere la D56 e girare a sinistra seguendo le indicazioni stradali, Notre Dame d’Orsan si trova a circa 50 m.

Nessun commento:

Posta un commento